NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

Tribunale criminale supremo di Ancona

 

Denominazione

Tribunale criminale supremo di Ancona  Linked Open Data: san.cat.complArch.79259

 

Tipologia

fondo

 

Data

1800

 

Consistenza

1 (b.)

 

Descrizione

Il tribunale giudicava, nei territori della Marca di Ancona e della legazione di Urbino, i reati più gravi e, in appello, le sentenze emesse dai luogotenenti e dai podestà. Sul suo funzionamento venne emanata, il 2 maggio 1800, una "notificazione" a firma di Antonio De Cavallar, imperiale regio commissario austriaco insediatosi ad Ancona nel 1799, e Emilio Ripanti, primo presidente del tribunale stesso. Il fondo è costituito da un fascicolo processuale contro una sorta di banda di falsificatori di banconote dell'Impero austriaco operante nell' Eugubino, territorio già incluso nella legazione urbinate. Sono, inoltre, presenti le risoluzioni e le condanne emesse dal tribunale e comunicate attraverso bandi a stampa. Bibliografia: R. DOMENICHINI, Magistrature giudiziarie e archivi nell'Anconitano tra età napoleonica e Restaurazione, in "Magistrature e archivi giudiziari" a cura di P. GALEAZZI, Ancona, 2009

 

Sistema aderente

SIAS. Sistema Informativo degli Archivi di Stato.

 

URL Scheda provenienza

 

Soggetti conservatori