NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

Maglificio di Occhieppo di Eusebio Maggia e C., Occhieppo Superiore (Biella), 1880 - - Ente

 

Tipologia

Ente

 

Forma autorizzata del nome

Maglificio di Occhieppo di Eusebio Maggia e C., Occhieppo Superiore (Biella), 1880 -  Linked Open Data: san.cat.sogP.98706

 

Altre denominazioni

Francesco Maggia e figlio

      Francesco Maggia e figlio snc

      Società Anonima per Azioni Bellia e Maggia

      Bellia e Maggia

      Maglificio di Occhieppo di Eusebio Maggia e C.

 

Data di esistenza

1880 -

 

Sede

Occhieppo Superiore (Biella)

 

Natura giuridica

privato

Tipo ente

ente economico/impresa

 

Descrizione

La famiglia Maggia inizia a commerciare in tessuti dal 1806, nel 1827 acquista una casa con annessa una bottega e nel 1853 acquista il fabbricato che poi si trasformerà in Maglieria. Dai documenti conservati si evince che la produzione deve essere stata precedente alla fondazione dell'azienda: infatti si legge, in un inventario del 1870, che la Francesco Maggia e figlio era già esistente, ma sull'Annuario laneria del 1919 si legge che la ditta fu fondata nel 1880. Solo nel 1884 diventerà "Francesco Maggia e figlio snc". Nel 1899 Francesco Maggia costituisce una società con Valentino Bellia la "Bellia e Maggia" a Vercelli abbandonando la Maglieria di Pettinengo che chiude dopo un anno. La Bellia e Maggia, nel 1910, si fonde con una ditta di Mortara e crea la "Società Anonima per Azioni Bellia e Maggia" sempre con sede a Vercelli. Nel 1913 anche questa società chiude e l'anno successivo viene fondato a Occhieppo il "Maglificio di Occhieppo di Eusebio Maggia e C." che nel 1916 si trasferisce a Occhieppo Superiore. Nel 1924 viene creata una società tra Maggia e Cartotto la "Aldo Cartotto e C." una filatura cardata per conto terzi a Pianezze. Oggi la maglieria è ancora in attività a Occhieppo Superiore in via Graglia 89 e il proprietario è un discendente della famiglia Maggia: Umberto Maggia.

 

Sistema aderente

SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche.

 

URL Scheda provenienza