NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

Magnifica Comunità di Este, Este (Padova), sec. XI - 1797 - Ente

 

Tipologia

Ente

 

Forma autorizzata del nome

Magnifica Comunità di Este, Este (Padova), sec. XI - 1797  Linked Open Data: san.cat.sogP.96417

 

Altre denominazioni

Magnifica Comunità di Este

 

Data di esistenza

sec. XI - 1797

 

Sede

Este (Padova)

 

Natura giuridica

pubblico

Tipo ente

ente pubblico territoriale

 

Descrizione

Il primo documento che accenna alla Comunità atestina è un placito del 1117 con il quale Enrico III, duca di Baviera e all'epoca signore di Este, accorda la sua protezione al monastero di S. Maria delle Carceri. Il documento più importante e significativo, tuttavia, risale al 1182 ed è la prova dell'esistenza e dell'autorità della Comunità atestina: si tratta di una pubblica contesa tra i marchesi Alberto, Obizzo e Bonifacio da una parte e la Comunità di Este dall'altra per l'usurpazione di alcune terre dei marchesi, con sentenza a favore dei nobili, confermata, dopo il ricorso dei cittadini all'imperatore Federico I, da un diploma imperiale dato a Magonza il 28 aprile 1182. Nei documenti citati la Comunità di Este compare come realtà istituzionale già ben avviata e vi è pure un riferimento alla primitiva residenza comunale che sorgeva presso la chiesa di S. Tecla. L'edificio andò distrutto probabilmente nel XIV secolo, all'epoca del dominio scaligero, ma forse era già stato abbandonato in precedenza, essendo lontano dalle piazze principali verso cui si dirigevano le attività pubbliche. Non è noto, però, quando sia avvenuto il trasferimento di sede nella piazza principale; di certo era già avvenuto alla metà del XVI secolo. A capo della Comunità c'era il podestà, inizialmente per conto dei marchesi estensi, in seguito inviato dal Comune di Padova, quando Este passò sotto la sua giurisdizione alla fine del XIII secolo. I Signori di Este diedero vita a una delle principali...

 

Sistema aderente

SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche.

 

URL Scheda provenienza