NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

Irem spa, Sant'Antonio di Susa (Torino), 1947 - - Ente

 

Tipologia

Ente

 

Forma autorizzata del nome

Irem spa, Sant'Antonio di Susa (Torino), 1947 -  Linked Open Data: san.cat.sogP.53412

 

Altre denominazioni

Industria Radrizzatori Elettromeccanici

      Irem spa

 

Data di esistenza

1947 -

 

Sede

Sant'Antonino di Susa (Torino)

 

Natura giuridica

privato

Tipo ente

ente economico/impresa

 

Descrizione

La Irem, Industria Radrizzatori Elettromeccanici, viene fondata nel 1947 da Mario Celso. L'azienda ha dato un notevole contributo all'innovazione tecnologica applicata al cinema, tanto da meritare nel 1992 il premio Oscar Scientific Technical Award per il suo lavoro pionieristico nel progetto, nello sviluppo e nella produzione di apparecchi per l'alimentazione degli archi a carbone, delle lampade Xenon e per gli accenditori usati nella proiezione cinematografica. Mario Celso nato il 1° marzo del 1917 da una famiglia operaia, fin da bambino è sempre stato appassionato di elettrotecnica. Dopo la scuola elementare Mario inizia a lavorare in una piccola officina meccanica e tra il 1930 e 1938, frequentando il piccolo cinema del suo paese, Mario capisce che un buon raddrizzatore di corrente avrebbe potuto trovare largo impiego nel campo delle proiezioni cinematografiche. L'idea di costruire un raddrizzatore rappresentò per Mario Celso l'occasione di trasformare un hobby in un'attività concreta. Contestualmente inizia a lavorare per la Fert, il più importante studio cinematografico italiano del periodo; nel 1947 apre la sua attività in proprio a Sant'Antonino e fonda la Irem, dopo aver brevettato il suo prodotto, il raddrizzatore elettromeccanico sincrono. La Irem diventa la prima azienda a presentare sul mercato americano raddrizzatori per lampade allo xenon utilizzanti diodi al silicio, inoltre in pochi anni, ampliando la gamma dei prodotti, arriva anche ad essere fornitore...

 

Sistema aderente

SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche.

 

URL Scheda provenienza