NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

Presidenza delle ripe - Ente

 

Tipologia

Ente

 

Forma autorizzata del nome

Presidenza delle ripe  Linked Open Data: san.cat.sogP.18841

 

Data di esistenza

[sec. XII-1798 e 1800-1809]

 

Sede

Roma

 

Tipo ente

Ufficio centrale di stato di Antico regime

 

Descrizione

La presidenza delle ripe, magistratura costituitasi tra i secc. XV e XVI succedendo nel la materia all'autorità comunale, aveva attribuzioni amministrative e giudiziarie su tutto ciò che si riferiva ai due porti sul Tevere della città di Roma, Ripagrande e Ripetta. Per le funzioni giudiziarie vediTribunale delle ripe. La carica di presidente delle ripe, affidata prima annualmente ad un chierico di Camera, divenne stabile per il motuproprio di Benedetto XIII del 22 mar. 1725. Benedetto XIV conferì al presidente delle ripe il segretariato delle acque urbane, costituendo una unione personale, mentre gli uffici rimanevano distinti. Con il motuproprio di Leone XII sui chierici di Camera del 21 dic. 1828ad un solo presidente furono affidate le acque, le strade e le ripe; subito dopo però le funzioni amministrative della presidenza delle ripe furono trasferite al tesoriere generale della Camera (al quale era sempre stata riservata la percezione dei diritti doganali sia di Ripa che di Ripetta), nominato pro-presidente delle ripe, e l'ufficio divenne una sezione del tesorierato. Nel 1847, col motuproprio del 12 giugnodi Pio IX, furono attribuite alla prefettura generale di acque e strade la presidenza delle ripe e le competenze sui porti e i canali marittimi dello Stato, sul Tevere e sui ponti entro e fuori Roma; il tesoriere venne quindi esonerato dalla pro-presidenza delle ripe e cessò di appartenere al suo dicastero la competenza sulla navigazione del Tevere. Con la costituzio[...]

 

Sistema aderente

GGASI. Guida Generale degli Archivi di Stato

 

URL Scheda provenienza