NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 
 

Link alla pagina di visualizzazione nel sistema afferente


Archivio di Stato di Trento, Capitolo del Duomo di Trento, Pergamena ITASTNCAPITOLODUOMON1268_02 

Archivio di Stato di Trento, Capitolo del Duomo di Trento, Pergamena ITASTNCAPITOLODUOMON1268_02

I “priores libertatis et vexillifer iustitiæ populi Florentini” scrivono al vescovo di Trento Giorgio Neideck, luogotenente imperiale di Verona, informandolo che sono giunti a Firenze i messi di tre conti da Sarego eredi del fu conte Bonifacio loro fratello, muniti di “littere” del vescovo stesso, reclamando a nome dell’imperatore il pagamento della somma di denaro spettante a Bonifacio; spiegano che avrebbero voluto soddisfare tale richiesta, se non fossero sorti dubbi sulla legittimità della stessa in quanto posta da eredi di defunto “ab intestato”, potendovi essere altri eredi aventi diritto a partecipare di tale somma. Informano quindi il vescovo di aver versato ai detti messi la somma di 1000 ducati pari alla metà del totale dovuto, e di aver dato mandato ai loro agenti di Mantova di liquidare ai ratelli i restanti 1000, alla condizione che questi presentino attestato autentico dal quale risulti che non vi sono altri eredi “ab intestato” potenziali partecipi della somma in questione. Originale (id. SIAS 890502749)