NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 
 

Archivio di Stato di Biella, Avogadro di Valdengo, Pergamene, Pergamene I, Ivrea, 7 ottobre 1445   Attiva zoom sull' immagine nella pagina corrente Disattiva zoom sull' immagine nella pagina corrente

Testamento di Ludovico fu Aimone Avogadro di Valdengo in cui dispone che siano suoi eredi sua figlia Dorotea moglie di Antonio fu Bonifacio de Talliendis cittadino eporediese, che portò in dote 200 fiorini sabaudi; sua figlia Agostina moglie di Ludovico di Castellengo, che portò in dote 200 fiorini di Milano; Libera e Caterina sue figlie per 200 fiorini di Milano ciascuna e chiede che esse siano contente e non domandino altro al testatore. Lascia quindi tutti glia altri beni mobili e immobili ai suoi figli legittimi e naturali Antonino, Giovannino, Marsilio e Aimone in parti uguali disponendo che non possano vendere i beni ereditari senza il permesso di suo genero Ludovico di Castellengo. Verso