NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 
.

Descrizione

 Un altro aspetto di questa meticolosa opera di mediazione tra culture è costituita dai cosiddetti «inserti», che consentivano agli spettatori del Bel Paese di vedere nei film stranieri, e non solo in quelli di Laurel & Hardy, scritte in italiano. Quando nella pellicola originale americana comparivano alcune scritte in campo lungo, su di un palazzo, un cartello stradale o sul cancello di un giardino, gli stessi tecnici ed operatori incaricati di comporre i titoli di testa dell’edizione italiana eseguivano un primo piano della sola scritta, e, curando di imitare la materia sulla quale era stampata, vi traducevano in italiano le parole, spesso, ancora una volta, apponendovi adattamenti più o meno significativi. Queste scritte venivano poi sostituite dal montatore a quelle in lingua originale. Così nella comica The Music Box, del 1932, il motto della ditta di trasporti di cui Stanlio e Ollio sono soci, e che nella versione americana suona: «Laurel and Hardy Transfer Company, Foundred 1931. Tall Oaks from Little Acorns Grow», nella versione italiana antologica del 1947, intitolata Piano…forte, diviene: «Stan Laurel & Oliver Hardy, Trasporti a domicilio, Casa fondata nel 1947», con una sagace mutazione delle coordinate temporali effettuata al fine di “attualizzare” la pellicola per gli spettatori contemporanei. In altri casi si trattava di titoli di giornale che potevano essere eseguiti incollando il titolo tradotto su un comune giornale o facendo stampare appositamente il titolo e in caso il testo.