NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

03 ottobre 2014

Pergamena

Il "Diplomatico" dell'Archivio di Stato di Pisa

Percorso attraverso il “Diplomatico” dell’Archivio di Stato di Pisa, costituito da oltre 21.000 pergamene e documenti degli anni 996 - 1782, conservati nei fondi: Alliata, Atti Pubblici, Cappelli, Mazzarosa Fortunato, Nicosia, Olivetani e Roncioni.
Al momento dell’inaugurazione dell’Archivio di Stato di Pisa, nel 1865, la sezione diplomatica era ancora in via di costituzione. Ne facevano parte innanzitutto gli Atti pubblici della Repubblica pisana, che erano stati portati a Firenze al momento dell’occupazione fiorentina di Pisa.
Tali documenti tornarono a Pisa da Firenze in virtù del decreto di istituzione del nuovo Archivio. Oltre agli Atti pubblici, formavano il nucleo iniziale del diplomatico le pergamene appartenenti agli archivi degli Ospedali riuniti, della Pia casa di misericordia, dell’Opera della primaziale e dei Cavalieri di S. Stefano. Nel 1869 il Diplomatico si arricchì di altre 9.200 pergamene appartenenti ai monasteri pisani, già confluite a Firenze nel 1778 in seguito al motuproprio di Pietro Leopoldo del 24 dicembre 1778. A questi due complessi di pergamene si aggiunsero con il tempo altri fondi confluiti nel1’Archivio di Stato di Pisa attraverso acquisti, doni e depositi. Particolarmente importante fu agli inizi di questo secolo l’acquisto delle pergamene della nobile famiglia Ronciani di Pisa che vennero a costituire uno dei più cospicui fondi membranacei dell’istituto.
Del complesso di archivi confluiti nel "fondo Diplomatico" (57 archivi per un totale di oltre 21.000 pergamene) sono, al momento, consultabili on line i seguenti: Alliata, Atti Pubblici, Cappelli, Mazzarosa Fortunato, Nicosia, Olivetani e Roncioni. 

 

 

Accedi al Percorso su SAN >>> 

Fonte

san

Tipologia

notizia