NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

Diplomatico

Denominazione

Diplomatico  Linked Open Data: san.cat.complArch.29982

 

Tipologia

collection

 

Data

736-1873

 

Consistenza

60257 (pergg.)

 

Descrizione

Come gli altri Archivi toscani anche quello di Siena conserva a parte, nel Diplomatico, le pergamene per lo più nella forma originaria, cioè arrotolate, ma vi si trovano anche pergamene a quaderno e un diplomatico cartaceo. Nell'archivio sono confluite sia le pergamene pervenute allo stato in seguito alle leggi di soppressione delle corporazioni religiose, a cominciare da quelle leopoldine, sia le pergamene che appartenevano ai fondi del comune. Al nucleo più antico, che è quello delle Riformagioni, si sono successivamente affiancati quello dell'Archivio generale dei contratti e altri di numerosi uffici ed enti pubblici e di privati. L'archivio si configura attualmente come una raccolta divisa in 78 fondi. Per Siena i fondi sono individuati di massima secondo la denominazione dell'ente di provenienza. Bibliografia: Documenti per la storia dell'arte senese, a cura di G. Milanesi, I, Siena 1854; A. LISINI, Siena. R. Archivio di Stato. Diplomatico, "Bullettino senese di storia patria", III, 1896, pp. 258-287; P. KEHR, Le bolle pontificie che si conservano negli archivi senesi, "Bullettino senese di storia patria", VI, 1899, pp. 501-502; ARCHIVIO DI STATO DI SIENA, Inventario delle pergamene conservate nel Diplomatico dall'anno 736 all'anno 1250, a cura di A. Lisini, Siena 1908; F. SCHNEIDER, Regestum senense. Regesten der Urkunden von Siena. I. Bis zum Frieden von Poggibonsi. 713-30 iunii 1235, Roma 1911 (Regesta chartarum Italiae, VIII); G. PRUNAI, "Traditio" e "vestitura" nelle carte senesi (secoli VII-XII), "Studi senesi", LXVIII-LXIX, 1956-1957, pp. 42-177; Chartae latinae antiquiores. Facsimili. Edition of the latin Charters prior 10 the Ninth Century. Part XXIII: Italy IV. Part XXIV. Italy V, a cura di A. Peucci e J.O. Tiader, Zurigo 1985, voll. 2.

 

Sistema aderente

SIAS. Sistema Informativo degli Archivi di Stato.

 

URL Scheda provenienza

 

Soggetti conservatori